Come Calcolare il ROI della SEO: da leggere prima di buttare soldi

Calcolare il ROI della SEO correttamente

Quello che stai leggendo è un articolo a cura di Giulio Stella, di GstarSEO.it. Gli lascio subito la parola, dato che ha scritto un’ottima guida su come calcolare il ROI della SEO per ogni possibile situazione.

Scopri se davvero hai bisogno dei servizi SEO: scopri se davvero la SEO rappresenta per te un investimento o una mera spesa fine a sé stessa…

Fare SEO nel 2020: la Rivoluzione di Google (e Altre Favole Favolose)

seo 2017

Ogni anno noi SEO pubblichiamo articoli sulle news che provengono dal mondo di Google. Spesso si tratta di trattati filosofici ad alto “contenuto fuffoso”, altre volte di veri e propri paragrafi schifezza messi lì tanto per occupare spazio, simili a quelli dei siti gossip.

ATTENZIONE: Il titolo è ironico e altamente click-bait.

Quando NON Dovresti Rimuovere le Stop Words dagli URL

Perché non devi rimuovere le stop words

Se stai pensando di rimuovere stop words dagli URL delle tue pagine web per renderle più pulite, non farlo. Non abilitare nemmeno l’opzione che elimina le stop words di default nelle impostazioni dei permalink o del noto plugin per la SEO di Yoast.

C’è un’alta probabilità che sia stato proprio Yoast a consigliarti (o addirittura a rimuovere automaticamente per te) di cancellare le stop words nei tuoi permalink.

Google Cambia il Nofollow e Introduce “Sponsored” e “UGC”

Google Cambia il Nofollow e Introduce gli Attributi Sponsored e UGC

Settembre 2019 – Dopo molto tempo Google si aggiorna e decide di cambiare le regole sull’attributo nofollow. Google sembra in vena di rivelazioni in questo periodo (mi riferisco a quanto i SEO hanno da poco appreso sulla paginazione standard).

Il famoso rel=”nofollow” non è più una direttiva che Google prenderà così com’è,

Google Annuncia: “Non Usiamo la Paginazione rel=prev/next da Anni”

Google non usa più la paginazione rel next prev

Via Twitter, dall’account di Google Webmasters, arriva la notizia inattesa secondo cui gli elementi di impaginazione rel=”prev” e rel=”next” non sono più importanti per la SEO.

Si tratta di una notizia curiosa dato che era stata la stessa Google a introdurre nel 2011 tali attributi, utili al motore di ricerca per scoprire nuovi contenuti.